Riflessioni sulle ESPLORAZIONI #03 Fare Futuri della Lana - muu-baa - muu-baa
×

Riflessioni sulle ESPLORAZIONI #03 Fare Futuri della Lana

Lana di montagna: Nuove applicazioni, prodotti e prospettive

Sabato 19 gennaio 2019, presso lo Stanglerhof, St. Konstantin, Völs am Schlern, Südtirol, si è tenuto un workshop di muu-baa.

Il workshop ha visto la partecipazione di 13 partecipanti, tra cui docenti, ricercatori, studenti e alumni della Facoltà di Design & Art, unibz, fondatore del BAU e diversi lavoratori delle ONG. La giornata è stata co-facilitata dal Prof. Alastair Fuad-Luke (AFL) di unibz e Theresa Bader (TB), un’alumni del Master in Eco-Social Design di unibz che ha esplorato i potenziali utilizzi della lana di pecora grezza di scarto dell’Alto Adige. L’obiettivo principale di questo workshop pratico di sei ore è stato quello di condividere le nostre conoscenze e di generare idee e concetti per creare nuove combinazioni di materiali e manufatti in lana grezza, cardata e feltrata dell’Alto Adige. Un punto focale importante è stato il tentativo di sviluppare nuove relazioni tra le pecore, come produttori di lana, e persone che hanno pochi o nessun contatto con le pecore, se non attraverso prodotti di consumo.

 

Il rapporto è qui Reflections on Explorations no 3 Making Wool Futures AFL 310119; foto di AFL e TB

 

La lana, un materiale versatile: Un partecipante avvolto in lana cardata, che indossa una maschera in lana grezza e mostra con orgoglio il cappello di feltro realizzato durante il workshop.

 

Discorsi introduttivi

Theresa ha spiegato il background del suo progetto Rewollte e come aveva sperimentato l’uso delle macchine infeltritori di Bergauf, Val d’Ultimo per creare nuovi patterns, texture e disegni applicati ai tessuti in feltro. Ha poi mostrato uno dei suoi prototipi, una semplice forma in feltro che può essere avvolta su tutto il corpo per esperienze salutari. La lana grezza pulita può essere imbottita tra il corpo e l’involucro esterno in feltro per creare uno strato assorbente che avvolge il corpo. L’avvolgimento con lana provoca una delicata sudorazione e i pori della pelle si aprono. Il sudore viene assorbito e la pelle viene pulita in un processo come in una sauna “asciutta”. Theresa ha mostrato altri prototipi tra cui una maschera facciale, scaldacollo e così via. Lei crede che questo sistema può essere personalizzato per soddisfare le esigenze individuali.

La sua passione per le 50 tonnellate di lana di pecora di scarto prodotte ogni anno in Alto Adige e continuerà a sviluppare prototipi per testare nuove applicazioni che vanno oltre l’uso sfuso della lana come pacciame, fertilizzante e ammendante.

Alastair ha parlato brevemente. Ha iniziato ricordando ai partecipanti che l’uomo ha addomesticato le pecore circa 8000 anni fa, come dimostrano i disegni di arte rupestre in Medio Oriente. Il foglio con la coda di grasso raffigurato in questi disegni si trova ancora nella regione. La pecora semi-ferale Soay rappresenta un lontano parente delle pecore del Neolitico nel Regno Unito. Queste ed altre pecore adatte alle zone di montagna tendono ad avere lana grezza, ma i programmi di allevamento nel corso dei secoli hanno creato una maggiore varietà di lana in termini di lunghezza, tipo di fibra e morbidezza. Oggi in Alto Adige dominano cinque razze: Tiroler Bergshaf, Schwarzbrunes Bergshaf, Villenosser Brillenschaf, Schnalser Schaf e Juraschaf. Queste razze forniscono la fibra per i prodotti artigianali tradizionali dell’Alto Adige, come pantofole di feltro, cardigan di lana, tappeti di lana e cappelli in feltro.

I tessitori di lana, come il Lanificio Paoletti nella vicina provincia veneta, sperimentano la produzione “a chilometro zero” utilizzando la pecora alpogata, ma anche tessuti molto diversi da lana importata da tutto il mondo.

La seconda parte dell’intervento di Alastair si è concentrata su come diversi artisti e designer hanno cercato di trovare nuovi utilizzi della lana e sviluppare nuove relazioni tra i materiali, la loro produzione e i consumatori. Per esempio, Christina Meinderstma ha creato il Cardigan One-Sheep Cardigan dove la lana di una pecora di razza rara è stata utilizzata per lavorare a maglia un unico maglione. Stilisti come Vik Prjonsdottir, Bianca Cheng Costanzo e Sibling Knitwear continuano a sorprenderci con pannelli drammatici, tecniche di piegatura e lavorazione a maglia per effetti accattivanti. Il versatile feltro offre opzioni per calzature e mobili piegati e incollati. Tuttavia, questi disegni mantengono ancora una distanza tra la pecora, il suo produttore e il consumatore. Come possiamo creare nuove relazioni?

 

Introdurre i partecipanti ai materiali e agli strumenti

Ai partecipanti sono state mostrate le differenze tra le diverse condizioni della lana: dalla lana grezza pulita alla lana cardata, al feltro e al filato di lana. Sono stati introdotti a una serie di semplici utensili manuali – un fuso a goccia per la filatura di filati di lana cardati; lucidi di legno per corde quadrate e rotonde di filati di lana; vari utensili da taglio e aghi a maglia e a uncinetto e due piccoli telai a mano o a giro per la tessitura.

 

La linea temporale pecore/umano

Ai partecipanti è stato chiesto di contribuire “post-it” alla linea temporale della lana, dal 6000 a.C. al presente, per poi cercare di prevedere alcune esigenze o tendenze future. La tradizione di produrre il robusto e impermeabile panno di lana Loden in Alto Adige risale a 400 anni fa. Gli anni ’60 videro grandi cambiamenti nell’industria laniera della zona con l’arrivo di importazioni più economiche e di turisti che chiedevano prodotti lanieri tradizionali. Oggi, solo pochi produttori continuano a produrre maglioni/cardigan (il sarner), pantofole di feltro () e cappelli, ma le innovazioni in termini di design, funzioni e nuove tecnologie sono scarse.

 

Questa è stata la linea temporale generata collettivamente:

6000BC – addomesticamento delle pecore

5300 a.C. – Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio dell’Alto Adige / confine austriaco, indossava un perizoma di pelle di pecora (addomesticata) (da analisi del DNA), ma non è stata trovata lana o tessuto tessile.

1700 a.C. – prime testimonianze di Almwirtschaft nelle Alpi

700 a.C. – tombe di popoli nomadi dell’Asia centrale, della Mongolia e del Medio Oriente rivestite di feltro. I soldati greci e romani usavano il feltro per calze, tuniche e stivali.

Felter in Alto Adige?

Decorativo – Finalità estetiche

1400AD Sarner

1500-1599, lavoro a maglia del 16° secolo

1600 Loden

1800-1899, 19° secolo all’uncinetto

Allevamento e miscelazione delle pecore. Globalizzazione?

1900 coloniale importato cotone coloniale usurpa la lana di cotone

XX secolo, mescolando la lana con tessuti o fibre acriliche

Osservare le proprietà curative della lana

Feltri e prodotti turistici in feltro e lana degli anni ’60

Dagli anni ’60 agli anni ’80: la prima globalizzazione

1960 – 2000 Spinnrod als Dekoratino

Difficile trovare abbigliamento in pura lana local

“Prodotti turistici “tradizionali

Nuovo (ri)lana “daune” abbigliamento sportivo-all’aperto

Nuovo “Punto Rosso” Sarner

ORA, ossia il 2020

Chilometro zero – nuova ondata di sostenibilità

Servizi per “ottenere il meglio dalla vostra lana (contadina) attraverso un laboratorio di lana

Servizi di lavaggio, cardatura

Un calendario condiviso per la tosatura a maggio/ottobre per lavorare la lana

Identificazione – conosci le tue pecore

La lana come servizio sanitario per il benessere

Divertimento – superpotenze della lana

Pensare oltre il tessile

2050 nuove tecniche di produzione

La produzione di prodotti a partire dalla lana locale richiede nuovi modi di considerare come aggiungere valore. Questo potrebbe significare che gli agricoltori che producono lana devono avere un calendario condiviso per riunirsi per ridurre i costi di pulizia e cardatura della lana grezza. È stato brevemente discusso il concetto interessante di un Wool-Lab – qui gli individui possono ottenere la lana direttamente dalla fattoria, imparare come pulire, cardare, filare o sentire la lana per creare i propri manufatti unici. Un nuovo servizio sanitario basato su prodotti di lana personalizzati e su esperienze personalizzate offre un potenziale.

 

Concetto di presa d’assalto e gioco con i materiali

Theresa ha introdotto una serie di schede che descrivono le diverse proprietà delle fibre di lana, del loro filato e di altri materiali per aiutare i partecipanti a comprendere meglio le potenzialità di questo straordinario materiale naturale.

Abbiamo continuato riunendoci attorno ad un grande tavolo per discutere i possibili concetti per la creazione di manufatti che aiutino a generare nuove relazioni tra produttori e consumatori, tra fornitori di lane e materiali di feltro e consumatori e così via. Le idee sono state condivise e sono stati generati molti schizzi. Alcuni hanno iniziato a giocare con i materiali per capire le loro diverse proprietà – lana grezza, lana cardata, feltro di diverse qualità e filati di lana. Diversi partecipanti hanno avuto la possibilità di filare il proprio filato dalla lana cardata utilizzando un fuso a goccia.

 

Esplorare e realizzare concetti/prototipi

Il pomeriggio è stato dedicato a qualche lavoro serio con i partecipanti che hanno lavorato individualmente, a coppie o in piccoli gruppi. Gli artigiani specializzati non hanno partecipato al workshop, ma la gamma e la qualità degli artefatti è stata sorprendentemente buona – un’indicazione che questi materiali sono adattabili da persone di diversa provenienza.

Un gruppo di tre persone si è dedicato alla realizzazione di un prodotto finito completo. Due piccoli cuscini fatti; uno con strisce intrecciate, l’altro cucito a mano con filo di lana sul bordo. Entrambi erano imbottiti con lana grezza. Questi partecipanti hanno pensato che cuscini come questi potevano essere facilmente realizzati dai bambini delle scuole elementari a partire dalla loro prima scuola elementare. È il tipo di artefatto che potrebbe durare per tutta la vita scolastica. L’ultimo partecipante di questo gruppo ha deciso di fare qualcosa di veramente necessario – un guanto da forno, con un design personalizzato integrato nel feltro con un ago di feltro.

Un altro gruppo di tre ha anche sviluppato un concetto rivolto ai bambini in età scolare. Hanno ideato la costruzione di una pecora di compensato a grandezza naturale (tagliata al laser nel BITZ Fab Lab, unibz) che i bambini avrebbero poi ricoperto con un “wrap” di lana. L’involucro potrebbe essere costituito da quadrati infeltriti singolarmente cuciti insieme su una base di feltro, cioè sarebbe un’opera collettiva che potrebbe includere molte narrazioni dal punto di vista dei bambini. Potrebbero visitare una fattoria per vedere le pecore, farsi coinvolgere nella cardatura e poi infeltrire la lana. La pecora avvolta diventa qualcosa di abbracciabile, qualcosa da essere.

Due partecipanti hanno filato la propria lana, anche se i leggeri fusi significano che la lana ha dovuto essere attorcigliata più che filata, rendendola spessa ma resistente. Lavorare a maglia il nuovo filato di lana si è rivelato impegnativo, ma ha creato un tessuto a maglia molto grosso che poteva essere indossato vicino alla pelle. Molte discussioni hanno garantito le proprietà mediche benefiche della lana indossata vicino a una lesione, come un livido, o mal di gola.

Altri hanno continuato a sperimentare con i materiali attraverso l’annodatura, l’intreccio e la cucitura di strisce di feltro, lana cardata o lana grezza. Quest’ultima si è rivelata interessante da tessere in un piccolo telaio a mano, attorcigliandolo per formare un filo grosso.

 

Alcuni manufatti sperimentali

Ecco alcuni degli artefatti prodotti durante il workshop.

Durante il laboratorio Theresa ha iniziato a tessere con lana grezza su un telaio da grezzo, infilato con ordito di canapa. Dopo il laboratorio si è continuato con lana cardata (arrotolata prima della tessitura), strisce di feltro e filato di lana. Un altro telaio da giro è stato infilato con strisce di feltro tinto al naturale per mostrare la possibilità di utilizzare scarti sottili. Questi manufatti grossolanamente intrecciati dimostrano l’enorme varietà di tessuti che possono essere ulteriormente sperimentati per la tessitura di tappeti, tessuti infeltriti o altri prodotti.

 

Riassumendo

Questo breve workshop, frequentato in gran parte da produttori amatoriali, mostra che c’è un notevole potenziale per esplorare nuovi usi dei diversi tipi di materiali lanieri – lana grezza, lana cardata, feltro, filati di lana e le loro fantasiose combinazioni. I concetti sviluppati per coinvolgere gli alunni delle scuole nel creare nuovi collegamenti con la lana come risorsa includono i “cuscini personalizzati” e “creare un “bendaggio collettivo per una pecora di compensato”.

La rete muu-baa ha in programma laboratori di follow-up sulla lana di pecora nei mesi di marzo e aprile 2019.