Riflessioni sulle esplorazioni #02 LAND-(WIRT)SCHAFTS - muu-baa - muu-baa
×

Riflessioni sulle esplorazioni #02 LAND-(WIRT)SCHAFTS

Modelliamo i nostri paesaggi e i nostri paesaggi ci modellano

Sabato 17 novembre 2018, presso il Frötscherhof, Bressanone, Südtirol, si è tenuto un workshop di muu-baa.

Al workshop hanno partecipato 22 partecipanti, tra cui agricoltori, rappresentanti dell’industria turistica, consulenti del GAL, architetti, un imprenditore di reti alimentari, un panettiere e ricercatori universitari della Facoltà di Design & Art, unibz. L’obiettivo principale di questo workshop di sei ore è stato quello di esplorare diverse prospettive, generare idee e concetti per nuovi progetti e mappare i principali attori e stakeholder dell’Alto Adige che influenzano direttamente o indirettamente il paesaggio.

Il rapporto è qui Reflections on EXPLORATIONS 02 Land(wirt)schaft AFL v1.0 280119

 

Il facilitatore professor Alastair Fuad-Luke, Facoltà di Design & Art, unibz è stato assistito durante il workshop da due traduttrici Lena Voegele e Martina Dandolo, entrambe di Merano, la prima studentessa attuale e la seconda alunni del Master in Eco-Social Design presso unibz. Il supporto è stato fornito anche da Erica Boito, ricercatrice freelance, ed Elizabeth Rattalino, ricercatrice della Facoltà.

L’evento è stato ospitato da Anna e Sep Jocher al Frötscherhof. Il cibo e le bevande locali sono stati forniti dallo chef, Christiane Gruber.

Riscaldamento/appuntamenti veloci. Dopo una bevanda calda e una torta di benvenuto, i partecipanti hanno scritto fatti salienti su un pezzo di stoffa che hanno poi indossato in uno stile che hanno preferito come fascia, cintura e così via. I testi di stoffa hanno facilitato le conversazioni tra i partecipanti che circolavano per incontrare quante più persone possibile.

 

PARTE 1: Prospettive plurali

Cinque persone hanno presentato i loro punti di vista sul paesaggio, le sue risorse e i suoi prodotti, le potenzialità di sperimentazione, le piccole opere architettoniche con e per gli agricoltori, e come l’arte rappresenta il paesaggio passato e presente.

Alastair Fuad-Luke (AFL), Professore di Ricerca sul Design, Facoltà di Design & Art, unibz, Bolzano.

Presentato il progetto di ricerca di start-up What Could A Farm Be?, finanziato internamente dalla Libera Università di Bolzano, e la formazione del muu-baa – una rete agro-culturale di esplorazioni nell’ottobre 2018. Sono stati presentati diversi esempi di azienda agricola come fabbrica di prodotti non alimentari a base di fibre naturali. Ai partecipanti è stata ricordata l’importanza della scala e dello zoom in/out (utilizzando il video ispiratore di Charles e Ray Eames, The Power of Ten, 1972) utilizzando esempi del paesaggio altoatesino. Non dobbiamo dimenticare altri esseri viventi che contribuiscono alle scale di centimetri, millimetri e micron. Una conseguenza delle diverse attività a scale diverse è che molte “voci” per il Paesaggio e un paesaggio dinamico formato da diversi “agenti”.

Stephan Jocher, De Gustibus

Il pubblico ha sentito parlare di un caso di studio di una rete, De Gustibus, in Toscana, che si è concentrata sul turismo e sull’educazione/consapevolezza dei turisti. La premessa di base è quella di mettere insieme turisti, agricoltori e cittadini in modi nuovi, ad esempio attraverso l’organizzazione di tour enogastronomici, attività in fattoria, ecc. Non ci sono nuovi prodotti, ma nuove interazioni ed esperienze. E’ qui che si crea valore aggiunto nell’esperienza e nello scambio culturale.

Lukas Rungger, co-fondatore, NOA* — Network of Architects

NOA* dispone di studi a Berlino e Bolzano. Lukas ha espresso il suo interesse a collegare cose che di solito non sono insieme, alla ricerca di potenziali aree di sperimentazione. Ha fornito una panoramica visiva dettagliata di un concetto visionario, COWSHED, per l’utilizzo del metano prodotto dalle mucche per creare strutture gonfiabili che offrono molte possibilità per altre attività creative. Membrane, hanno creato uno scenario/stadio nel paesaggio. Il gas delle mucche riempie le membrane. Questo sistema può essere implementato in piccola scala (per esempio: 1 vacca, 1 membrana, 1 piccolo palcoscenico, 1 attore). Un altro concetto chiamato SOLAR CHIMNEY ha riunito piante, luce solare e strutture edilizie leggere a spirale per creare nuove esperienze e spazi multiuso. Per realizzare questa visione, abbiamo bisogno di professionisti di diverse discipline che lavorino insieme a diversi livelli.

Paul Dortmann, architetto e agricoltore

L’architetto Paul Dortmann ha presentato il suo modo intimo di lavorare su scala locale, fondendo la sua esperienza di architetto e di agricoltore. Si occupa delle esigenze individuali degli agricoltori, non focalizzandosi su grandi scale/cambiamenti.

Partendo da una scala individuale, c’è la necessità di generare una visione generale. Il suo lavoro, incentrato su soluzioni individuali e personalizzate, contrasta con la spinta del mercato a “crescere” e ad ingrandirsi. Nella sua esperienza l’attenzione non è focalizzata su una trasformazione step-up, ma rimanere piccolo. Concentrarsi sulle piccole strade e sulle autostrade giganti. Questo rappresenta di per sé una prospettiva radicale in Alto Adige.

Dr. Elisabetta Ratalino, ricercatrice, Facoltà di Design e Arti, unibz, Bolzano.

Suggerimenti sul paesaggio. Nella Storia dell’Arte. La storia dell’arte può essere concepita come memoria collettiva. Il paesaggio è stato ed è rappresentato da artisti in modi molto diversi:…. 1. Come qualcosa di esterno all’essere umano. 2. 2. Come sguardo, come esperienza di un soggetto. 3. 3. Come qualcosa che gli artisti operano nel/su il paesaggio. Questo nuovo approccio, nato negli anni ’60, ha spostato l’artista dalla rappresentazione all’azione e alla creazione. Il modo in cui il paesaggio è “visto” influenza le nostre percezioni e le nostre interazioni con il paesaggio.

 

PARTE 2: Generare idee; trasformare le idee in concetti

Lavorando in quattro piccoli gruppi, i partecipanti hanno alimentato i loro punti di vista e quelli dei presentatori in un brainstorming di idee potenziali per sfidare come vediamo e agiamo nel e sul paesaggio altoatesino. Ogni gruppo ha presentato brevemente la propria discussione e le idee chiave.

Nel tardo pomeriggio, dopo l’esercizio MLP per la mappatura degli attori e dei portatori di interesse sul paesaggio altoatesino (vedi sotto), i partecipanti sono tornati ai loro gruppi originali per cercare di trasformare le idee in concetti più concreti ed espliciti.

Gruppo 1 Turismo sostenibile – IDEA

Gruppo 1 Turismo sostenibile – CONCEPT

Gruppo 2 Paesaggio Biologico/Latte di qualità – IDEA

Gruppo 2 Paesaggio Biologico/Latte di qualità – CONCEPT

Gruppo 3 Coesistenza per la rigenerazione della campagna – IDEA

Gruppo 3 Coesistenza per la rigenerazione delle campagne – CONCEPT

Gruppo 4 Come sensibilizzare gli agricoltori alla sostenibilità – IDEA

Gruppo 4 Come sensibilizzare gli agricoltori alla sostenibilità – CONCEPT

 

PARTE 3: Mappatura collaborativa dei principali attori e stakeholder del paesaggio altoatesino: Adottare una prospettiva multilivello (MLP)

Dopo un delizioso pranzo, innaffiato dallo straordinario vino rosso biologico Rubus dell’Alto Adige, tutti sono usciti al sole per lavorare all’esterno su una mappatura collettiva degli attori chiave e degli stakeholder che direttamente o indirettamente influenzano il paesaggio altoatesino. La facilitatrice (AFL), con l’aiuto delle traduttrici Lena Voegele e Martina Dandolo, ha descritto il quadro della Multi-Level Perspective (MLP) generato da Geels (2002) e Geels e Schot (2007) come un mezzo per descrivere come le innovazioni di nicchia, il regime socio-tecnico e il paesaggio socio-tecnologico (il contesto esogeno) influenzano il cambiamento dei sistemi e le nuove transizioni socio-tecniche verso la sostenibilità. Questi tre livelli corrispondono ai livelli micro, meso e macro in cui gli attori chiave e gli stakeholder influenzano il mantenimento dello status quo o il passaggio a nuove configurazioni.

Il framework Multi-Level Perspective sviluppato da Geels (2002) e Geels & Schot (2007).

Passo 1. Ai partecipanti è stato chiesto di collocare i post-it con i nomi di organizzazioni, grandi aziende, imprese (commerciali, sociali) o individui al livello appropriato, macro, meso o micro.

Passo 2. Ai partecipanti è stato chiesto di disegnare su un post-it l’elemento o gli elementi del paesaggio che le organizzazioni, le grandi aziende, le imprese o gli individui hanno avuto un effetto diretto. È stato chiesto loro di tracciare una linea di collegamento tra l’attore e l’effetto.

Partecipanti che hanno realizzato il diagramma del MLP per l’Alto Adige

Organizzazioni e attori a livello macro e attori – MLP originale generato durante il workshop

Organizzazioni e attori a livello di maglia – MLP originale generato durante il workshop

Microlivello di organizzazioni e attori – MLP originale generato nel workshop

Nel corso dell’attività si è discusso molto con i partecipanti che non sanno dove collocare alcuni attori, che cosa costituiva “un effetto” sul paesaggio e se alcuni attori interessati su più di un livello. Tuttavia, i partecipanti sono riusciti a generare decine di attori diversi e hanno identificato i diversi elementi del paesaggio interessati dagli attori.

Al termine dell’esercizio, il facilitatore ha chiesto ai partecipanti le loro opinioni. Molti hanno notato che questa è la prima volta che hanno visto tutti gli attori rappresentati nel “quadro più ampio”, fornendo una migliore panoramica delle dinamiche in gioco e della scala in cui alcuni attori operano. C’è stato un consenso sul fatto che la “cultura delle leggi” ha avuto un forte impatto sul paesaggio che si è creato. Al microlivello i produttori hanno rafforzato lo status quo del regime socio-tecnico o vi hanno opposto resistenza. In quest’ultimo caso molti degli attori a microlivello individuati stavano creando diversi cicli di produzione e consumo introducendo nuove (o vecchie) varietà di piante e animali e lavorando con gli chef per creare nuovi gusti sia per i locali che per i turisti.

Ulteriore analisi del diagramma del MLP

In occasione della riunione del 7° Focus Group del 10 gennaio 2019, è stato concordato che l’AFL si metterà in contatto con i MD e ER per analizzare e sviluppare un sistema grafico per comunicare meglio i risultati di questo esercizio partecipativo. Ecco l’analisi preliminare del diagramma del MLP, che raggruppa attori simili per cercare di capire se ci sono tipi di attori e se alcuni attori hanno lavorato su scale diverse nel paesaggio e nel paesaggio.

MACRO LEVEL – il paesaggio socio-tecnico

Molti attori esercitano qui un’influenza geopolitica globale o regionale sui mercati agricoli e sui modi di produzione e consumo.

  • Marchi alimentari globali leader nel settore alimentare, come McDonalds
  • Catene di distribuzione e vendita al dettaglio, ad esempio le principali marche di supermercati
  • Servizi agricoli globali e industrie fornitrici, ad esempio Monsanto/Bayer
  • Singole nazioni, ad esempio la Cina.

Sono stati inoltre individuati i principali attori normativi e legislativi, ad esempio l’Unione europea, le Nazioni Unite, l’Unione europea e le Nazioni Unite.

Anche i consumatori di tutto il mondo sono stati visti come un’influenza chiave sul paesaggio socio-tecnico.

È stata identificata un’ultima categoria, che potremmo chiamare ambiente o natura – Altri esseri viventi (insetti, animali) e clima, in particolare i cambiamenti climatici. L’agenzia di questi fattori viene spesso ignorata in una tipica analisi di MLP!

MESO LEVEL – il regime socio-tecnico

La percezione da parte dei partecipanti è stata che questo livello fosse realmente rappresentato a livello regionale, provinciale e territoriale. L’area chiave che l’attore esercita un’influenza (Mercati, preferenze degli utenti; Industria; Scienza; Politica; Cultura; Tecnologia) è indicata tra parentesi.

  • Autorità pubbliche provinciali, ad esempio per l’agricoltura, per la pianificazione, i comuni locali (Mercati, preferenze degli utenti; Industria; Scienza; Politica; Cultura; Tecnologia).
  • Associazioni e cooperative provinciali, ad esempio per l’agricoltura – Südtiroler Bauernbund, Bioland (Mercati, preferenze degli utenti; Industria; Politica; Tecnologia)
  • Settori alimentari, ad esempio l’industria lattiero-casearia, l’industria del mais (mercati, preferenze degli utenti; industria; scienza; politica; tecnologia).
  • Settori non alimentari, ad esempio l’industria alberghiera, i produttori di macchine, l’industria della consulenza (mercati, preferenze degli utenti; industria; scienza; politica; tecnologia).
  • Istituzioni educative, ad esempio le scuole di agricoltura (Industria; Scienza;)
  • Consumatori (Mercati, preferenze degli utenti; Cultura)

MICRO LEVEL – innovazioni di nicchia

La maggior parte degli attori si è concentrata su una scala locale di produzione o di consumo. I produttori si concentrano sui mercati locali, le preferenze degli utenti, l’industria, la politica, la cultura).

  • Singoli produttori di bio-alimenti
  • Le catene di produzione alimentare-consumatori comprendevano diversi esempi di bioproduzione, come ad esempio le bio-box, i mercati degli agricoltori, i consumatori bio-regionali
  • Consumatori (come categoria generale di attori)
  • Blogger di cibo
  • Nuove reti, ad esempio muu-baa
  • Industria turistica, ad esempio alberghi, turisti, escursionisti, escursionisti

Dove o su quali elementi questi attori hanno influenzato il paesaggio?

Questo esercizio si è rivelato più difficile per i partecipanti. Tuttavia, sono stati evidenziati alcuni chiari legami tra alcuni attori e il loro impatto sul paesaggio. Questi effetti possono essere riassunti per i tre livelli:

Multi-Level Perspective Organisations, entrerprises, individual actors  

 

Affect on landscape element(s)

 

 

MACRO U.E.

 

 

Monsanto/Bayer

 

 

 

McDonalds

 

Consumers

 

 

Air BnB

Paragraph Laws of UE impacts landscape

 

Pesticide damage to the environment and to natural food chains

 

Loss of forests

 

Types of food grown – market/consumer demand

 

Global tourist travel

 

MESO Consumers

 

 

RegioKorn

 

Province planning and farming authorities; municipalities

 

Machinery manufacturers

 

Dairy industry

 

 

Types of food grown – plants and animals

 

Types of korn grown

 

Paragraph Laws of UE impacts landscape

 

Intensification of growing systems

 

Land management for cows and dairy products

 

MICRO Bio-farmers with bio-chefs

 

 

 

RegioKorn

 

 

 

Household gardens

 

Hotels and other accommodation

Different types of food grown and new tasty meals produced for consumers and tourists

 

Specific varieties of korn grown with different visual and bio-affects on the landscape

 

Flowers and vegetables

 

Tourists and tourist facilities

 

Potenziale sviluppo del sistema MLP come strumento di cambiamento

Il sistema di MLP può fornire un utile strumento per aiutare a sviluppare concetti in nuove realtà, consentendo alle persone di identificare potenziali collaboratori, vedere barriere o parti del sistema che impediscono il cambiamento e così via. I ricercatori di unibz itereranno sulla progettazione di un sistema grafico per rappresentare il MLP che può essere usato come strumento.

MLP percorsi tipici di Geels e Schot, 2007.

In termini di tipo di percorsi di transizione – Geels e Schot (2007) hanno identificato tre tipi: trasformazione, sostituzione tecnica e riallineamento – sembra che i bioproduttori e i consumatori del microlivello altoatesino stiano adottando una strategia di riallineamento e riallineamento con iniziative dal basso verso l’alto. Il paesaggio socio-tecnico a livello macro e il regime socio-tecnico a livello meso-tecnico devono ancora implementare iniziative che sfidano sostanzialmente il modus operandi. Questo suggerisce che è necessario un ulteriore lavoro per capire come si possa innescare un cambiamento a livello macro e meso- e come si possa ottenere un’accelerazione delle pratiche di bio-agricoltura a livello micro. Si tratta di una sfida interessante per la rete muu-baa.

 

Geels, F.W. (2002). Technological transitions as evolutionary reconfiguration processes: a multi-level perspective and a case-study. Research Policy 31, 8/9, 1257-1274.

Geels, F.W. and Schot, J. (2007). Typology of sociotechnical transition pathways. Research Policy 36, 399-417.