Riflessioni su Explorations #04 "Il Giorno Giallo" - muu-baa - muu-baa
×

Riflessioni su Explorations #04 “Il Giorno Giallo”

La neve stava cadendo quando siamo arrivati a Malles, Val Venosta, la mattina di sabato 14 aprile, mentre allestivamo l’attrezzatura per il nostro laboratorio sperimentale di tintura con denti di leone. Fortunatamente, dieci partecipanti hanno sfidato il tempo, tra cui la tintrice e tessitrice locale Cornelia Larcher di Merano. All’interno del fienile ristrutturato presso il Sockerhof il facilitatore del workshop, Prof. Alastair Fuad-Luke, ha mostrato alcuni recenti campioni di prova con tinture di denti di leone, tra cui un bellissimo giallo intenso prodotto su filato di lana Bergschaf locale e una camicia giallo-arancio pallido sovratinta dall’originale cotone bianco. Fuad-Luke ha spiegato che il workshop sarebbe stato un “speed dyeing”(una tintura veloce), in quanto normalmente è meglio immergere filati, tessuti e abbigliamento per periodi molto più lunghi nei bagni preparatori e nei bagni di tintura per favorire la colorazione più profonda attraverso una maggiore assunzione del pigmento. Nulla di rischioso, nulla di guadagnato – speravamo in qualche risultato.

  

 

I partecipanti hanno iniziato a preparare i campioni per i bagni di tintura lavorando a maglia e cucendo con filati Bergschaf locali, cotone grezzo e cotone preparato per la stampa.

 

 

Alcuni partecipanti hanno acquistato capi in cotone e campioni in lino per la sovra tintura. Dopo circa un’ora i campioni sono stati immersi in acqua con i capi di abbigliamento e introdotti nel primo bagno preparatorio di soluzione di tannino, a pH6,5. Questo è stato precedentemente preparato utilizzando Fustic, una corteccia naturale e un tannino ellegico ad un peso equivalente del 15% in peso di fibra secca, WOF. Il bagno di tannino è stato tenuto a circa 90 gradi Celsius per 45 minuti. Il tannino aiuta a “animalizzare” la cellulosa, le piante, le fibre come il cotone e il lino. Non è strettamente necessario per il filato di lana in quanto si tratta di una fibra animale, una fibra proteica che generalmente assume una tintura migliore delle fibre di cellulosa. Tuttavia, il tannino aggiunge anche un colore giallo-arancio pallido alle fibre che possono fungere da base per i gialli del bagno di tintura al dente di leone.

Al termine del bagno di tannino, tutte le fibre, i campioni e i vestiti sono stati risciacquati in acqua prelevata dall’abbeveratoio naturale dal cortile del Sockerhof. Quest’acqua ha pH6, abbastanza neutra per processi di tintura ragionevoli. Dopo il risciacquo il tutto è stato posto in un bagno di allume acido, pH4, tenuto nuovamente a circa 90 gradi Celsius per 45 minuti. Questo bagno comprendeva allume di potassio, solfato di potassio e alluminio solfato di potassio, 15% WOF, con crema di tartaro, tartrato di potassio e bitartrato di potassio, 5% WOF. Questa miscela è un mordente che modifica le fibre per consentire alle fibre di assorbire più colorante e, quindi, di approfondire il colore.
Mentre tutto era immerso nel bagno di allume, i partecipanti hanno preparato il bagno di tintura al dente di leone. Per garantire un’abbondante movimento delle fibre, dei campioni e dei vestiti, in un grande calderone di rame sono stati utilizzati 45 litri d’acqua. A questo abbiamo aggiunto circa 5 kg di capolini di dente di leone, poi è stato gradualmente portato a bollore lento (88 – 90 gradi Celsius) per incoraggiare il colorante dei fiori ad entrare nell’acqua del bagno. C’è voluta mezz’ora per raggiungere la giusta temperatura. Dopo un’ora abbiamo estratto i capolini dei fiori per lasciare un liquido colorante marrone scuro nel calderone.

  

 

Per evitare che l’acido del bagno di allume reagisse con il rame, abbiamo dato a tutti gli oggetti un risciacquo rapido in acqua prima di mettere tutte le fibre, i campioni e i vestiti nel bagno di tintura, poi li abbiamo lasciati lì per un’ora. Riuniti intorno al calderone siamo stati tutti contenti del calore del fuoco perché la giornata era fredda.

Il sole è uscito proprio mentre estraevamo tutto dal bagno di tintura. Tutti hanno sciacquato con entusiasmo i loro prodotti per vedere il colore finale raggiunto. I risultati sono stati contrastanti. Come previsto, l’assorbimento delle fibre di cellulosa, ad eccezione del lino che ha assorbito sia il colore fustico che quello del dente di leone, è stato scarso. I colori della lana avevano una evoluzione diversa che variava dal giallo crema al giallo arancio-giallo pallido, al giallo pallido su alcuni campioni e su alcuni articoli in lana. Il contrasto tra l’assorbimento di tintura sui cotoni e la lana è stato giustamente dimostrato dalla cucitura a mano di Cornelia “Taraxacum off”. (abbreviazione del nome latino per tarassaco, Taraxacum officinale).

 

  

  

  

Dati i brevi tempi di bagno, il risultato è stato un successo e promette colori migliori con tempi di macerazione più lunghi. Vi è da considerare la possibilità che il rame del calderone abbia interferito nel processo di tintura provocando colori sbiaditi (confrontare le prove campione originali nelle foto in testa a questo articolo con quelle ottenute nella tintura del Giorno Giallo) o che non si sia potuto ottenere una temperatura sufficientemente controllata con il fuoco a legna  – le temperature variavano tra il sobbollimento e i 70 gradi Celsius.

I risultati del workshop verificano che la tintura con tarassaco ha il potenziale per ulteriori sperimentazioni con i tipi di lana locali in Alto Adige e per esplorare l’utilità dell’assorbimento differenziale di tintura su cellulosa e fibre animali.

Come dimostrano i sorrisi, è stata una giornata fredda ma gratificante per coloro che hanno partecipato al workshop, parte della più grande festa di quattro giorni a Malles per il festival Hier und da.